L'unico vero viaggio verso la scoperta non consiste nella ricerca di nuovi paesaggi, ma nell'avere nuovi occhi.

Paesaggi

Fotografia di paesaggio

La fotografia di paesaggio permette di utilizzare le innumerevoli possibilità d’interpretazione personale, senza distaccarsi troppo dal legame, spesso affettivo, con il paesaggio che si vuole ritrarre.

Per quanto mi riguarda, più mi allontano dalla semplice rappresentazione più diventa importante e significativa la mia visione del paesaggio stesso.

Si può dire che la fotografia di paesaggio registra il rapporto che il fotografo ha con il paesaggio stesso. Ne rappresenta l’interpretazione.

La fotografia di paesaggio non è mai un momento veloce, non è mai una frazione di secondo, ma richiede tempo ed attenzione.

Oltre che alla ricerca delle condizioni di luce e clima, in rarissime occasioni ho dovuto far passare mesi affinché tutti gli elementi della fotografia fossero al posto loro ed opportunamente illuminati.

Tutti i paesaggi che fotografo mi rappresentano. Non solo perché possano far parte della mia vita, passata o presente, ma possono riportare che ritengo importanti e sopratutto significativi.

Ritengo che tutta la fotografia possa essere meditativa, maggiormente lo è la fotografia di paesaggio, con tutti i suoi spazi ampi nei quali la mente può spaziare.

Un capitolo a parte lo rappresentano i paesaggi marini o meglio ancora “L’infinito” o  “Seascapes”. Proprio per la visione che ne rappresento ho preferito inserirli tra la fotografie introspettive.